FLP Affari Esteri

Coordinamento Nazionale

Get Adobe Flash player

1271: Ultimo incontro Min. Terzi


Prot. n. 1271/ 2012 Roma, 14 giugno 2012

A tutti gli iscritti e simpatizzanti

Con preghiera di massima divulgazione e


 


PROPOSTE FILP dopo l’ultimo incontro con il Ministro Terzi


Dopo l’incontro di ieri, mercoledì 13 giugno c.a., durante il quale il ministro Terzi ha più volte ribadito che il documento (Spending Review) elaborato dalla famosa Commissione e fatto proprio dal MAE non è in alcun modo modificabile. A fronte della gravissima situazione di crisi che il nostro Paese sta attraversando, la FILP è cosciente che, come ha affermato dal Presidente Napolitano, serve unità e solidarietà e quindi la situazione chiede sacrifici che vanno equamente distribuiti e sopportati. Ciò significa che chi più ha più deve dare! Mossa da tale sacrosanto principio, la FILP si sente di poter avanzare le seguenti proposte che sono immediatamente realizzabili con risultati immediati e importanti nel bilancio del MAE: 1. sospensione immediata delle procedure concorsuali per l’assunzione di diplomatici con un concreto risparmio di circa 5 milioni di euro 2. sospensione indennità di rappresentanza almeno per il 2012 e il 2013, ritenendo che gli impegni di rappresentanza presi possano essere sopportati con gli emolumenti percepiti (ISE) 3. accorpamento degli Uffici dell’amministrazione centrale e riduzione del numero dei direttori centrali, rinviando a data da destinarsi il rinnovo degli incarichi, con un risparmio pari a non meno di 4 milioni di euro 4. pubblicazione nominativa in rete di tutti gli stipendi dei diplomatici 5. accorpamento fisico delle sedi nella stessa città iniziando, da subito, a dare le disdette dei contratti di locazione 6. disdetta di tutti i contratti di locazione delle auto di servizio a Roma e drastica riduzione delle auto di rappresentanza all’estero avvalendosi di sponsor 7. soppressione delle consulenze a dipendenti e pensionati 8. progressiva riduzione del numero dei diplomatici fino al ripristino dell’organico degli anni novanta (circa 720 unità) 9. per mantenere i livelli minimi di funzionalità della sede centrale, richiamo di tutto il personale comandato e attivare i processi di mobilità in entrata 10. contrarietà all’assunzione all’estero di personale extracomunitario, in quanto misura contraria alla tanta voluta ed auspicata crescita 11. anticipare la pubblicazione sul sito degli appalti e dei contratti come previsto da un prossimo provvedimento legislativo La FILP al fine di raggiungere tali obiettivi, nel confidare nel sostegno fattivo di tutti i colleghi, assicura che non mancherà di rappresentare tali proposte in tutte le possibili istanze. 



CCNL Ministeri








LA DOLOROSA STRADA